Linee guida

  • La gestione del verde pubblico persegue alcuni principali obiettivi di carattere sociale ed economico, quali:
    1) Sicurezza
    2) Qualità del verde
    3) Razionalizzazione della spesa

    Questi obiettivi generali sono proposti nelle «Linee guida per la gestione dei patrimoni arborei pubblici» redatte dall’Associazione Italiana dei Direttori e Tecnici Giardini Pubblici (AIDTPG).

  • linee-guida

  • line-guida-2

  • Le Linee guida della AIDTPG propongono una serie di azioni che gli amministratori del verde pubblico devono necessariamente attuare per il raggiungimento degli obiettivi.
    Le azioni da implementare consistono essenzialmente in:

    1. Conoscenza del patrimonio verde;
    2. Gestione della manutenzione e della sicurezza del patrimonio verde;
    3. Rinnovo delle alberature;
    4. Comunicazione ai cittadini.

Alcune note di giurisprudenza:

Il proprietario del bene risponde dei danni causati dal bene stesso in base all’art. 2051 del cod. civile che recita: “Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito.”

Siccome la possibilità che si verifichino eventi dannosi non può essere ignorata, l’art. 40 del cod. penale recita che: “Non impedire un evento, che si ha l’obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo.”

È quindi necessario, per la serenità degli amministratori del verde pubblico e per la sicurezza dei cittadini, predisporre tutte le azioni necessarie e indispensabili al controllo ed alla gestione del verde pubblico.

Una buona gestione del verde pubblico necessita di decisioni condivise e di risorse adeguate. Indispensabile poter contare sul supporto tecnico di aziende solide e strutturate, con grande esperienza e capacità di innovazione.